04 gennaio 2013

Taccuino del mare

Ormai avrete capito che mi piace il mare.
E siccome é un dato di fatto merita un altro taccuino.
Ma lo farò senza un filo logico, o meglio, solo seguendo l'istinto del momento come se avessi una Polaroid per catturare quell'attimo, quel particolare insignificante che diventa importante una volta sulla carta.



04-01-2013

20-11-2012

 19-11-2012


25-08-2012


25-08-2012

































8 commenti:

  1. Mi sembra un buon metodo, quello di procedere affidandoti all'istinto... Vedrai che il filo logico apparirà dopo, a lavoro finito, e sarà il più autentico. Aspetto di immergere lo sguardo nei prossimi paesaggi marini...

    RispondiElimina
  2. Che bellezza Marco! Non oso pensare ai capolavori che realizzerai all'isola d'Elba! Non vedo l'ora di vedervi (te e Gabriele) al lavoro! Affilate le matite, bagnate i penneli, apparecchiate i colori, oh miei artisti prefereti! Gaia

    RispondiElimina
  3. bello l'uso della penna. mi piace assai questo stile rinnovato, ed il contrasto con l'acquerello morbido ...

    RispondiElimina
  4. ciao Marco...ho dato una sbirciatina anche qui...amo come dipingi il mare e sono sempre in attesa di un tuo mare in tempesta...ma la tua quiete e pazienza ti vedono sempre di fronte un mare calmo eheheh sono io quella irrequita!!! Sempre eccezionale il tuo lavoro...complimenti!

    Lucy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lucia, come sempre gradisco i tuoi commenti. Per il mare in tempesta fammici pensare può essere il prossimo progetto :).
      Grazie!

      Elimina
  5. bellissimo taccuino, una tematica suggestiva ed una rappresentazione magistrale

    RispondiElimina